Fatti e Cifre - Carta d'identità

Forma di Governo: Repubblica di Malta.
Malta fa parte del Commonwealth e, dal 21 settembre 1964, è indipendente dall’Inghilterra.
Il 1 maggio 2004 è entrata a far parte dell’Unione Europea.

Valuta: Euro (introdotto il 1 gennaio 2008)

Ingresso: Per i cittadini dell‘Unione Europea non ci sono controlli alle frontiere.
Malta fa parte dei paesi Schengen.

Lingua ufficiale: Bilingue – Maltese e Inglese

Religione: Cattolica 98%

Superficie: 316 km²
L‘arcipelago è composto da tre isole, Malta (246 km²), Gozo (67 km²) e Comino (3 km²)

Popolazione: 423.282 abitanti

Densità di popolazione: 1321 abitanti per kmq

Economia

Malta, crocevia nel cuore del Mediterraneo, è probabilmente stata identificata come una destinazione a vocazione “M.I.C.E.” già in passato. Proprio per questo, la tradizione degli incontri, oggi meglio identificati come meeting, qui è un’arte secolare.

Già nel lontano 3800 aC a Malta e Gozo venivano utilizzati i templi preistorici di Hagar Qim o di Ggantija per i rituali incontri legati ai culti del tempo. Attualmente i templi sono annoverati tra gli edifici più antichi in tutto il mondo costruiti con abili tecniche e da mani esperte. Nel corso dei secoli questo arcipelago è stato ripetutamente invaso da Fenici, Romani, Arabi e Britannici (oltre naturalmente dai Cavalieri di Malta). Questo ha generato lo sviluppo di una sorta di cultura del “fusion”. Con il susseguirsi di popolazioni sull’isola, o forse proprio grazie a questo, i maltesi sono legati alla tradizione familiare e la “condivisione del tetto” occupa un ruolo fondamentale della vita quotidiana.

Oggi nel XXI secolo, Malta è riconosciuta come una nazione moderna con un’avanzata economia dei servizi e detiene un’ottima posizione sul mercato globale rispetto a molti altri paesi europei: nel 2011 il suo PIL ha registrato un incremento del 2,5% , un dato che evidenzia chiaramente il forte aumento rispetto alla media europea. I principali attori dell’economia sono i cantiere navali, i porti e il segmento del turismo. Tutti settori che, nel 2011, hanno contribuito a far registrare un anno record per crescita e sviluppo.

Di pari passo con la globalizzazione e l’ingresso nella Comunità Europea, Malta ha vissuto un cambiamento strutturale che ha attirato numerose imprese straniere ad investire sull’isola soprattutto grazie ad un sistema fiscale agevolato che permette alle aziende di pagare solo il 35% di tasse. Lufthansa, ad esempio, ha aperto un centro servizi sull‘isola che sta rapidamente diventando il centro finanziario di riferimento per tutto il mondo Lufthansa. Grandi aspettative sono riservate per “Smart City“, un innovativo centro tecnologico che si ipotizza porterà oltre 5.000 nuovi posti di lavoro entro il 2018. “Smart City” è la sede di Conventions Malta.

 

Malta, l’isola che c’è da 7000 anni e non solo nel settore M.I.C.E.!